Ricerca per:
Il bilancio di sostenibilità come strumento per ridurre le garanzie finanziarie

Come noto, tra gli strumenti che l’azienda può esibire all’atto dell’iscrizione presso le categorie dell’Albo Nazionale Gestori Ambientali, rientrano alcuni noti strumenti, come la Certificazione EMAS II e quella ISO 14001, inerente all’implementazione dei sistemi di gestione ambientale. “Sarebbe opportuno introdurre lo strumento del bilancio di sostenibilità fra quelli che consentono la riduzione delle prestazioni delle garanzie finanziarie per l’iscrizione alle categorie dell’Albo”, ha dichiarato Stefano Sassone, chiamato ad intervenire sul palco dell’Assemblea Nazionale dell’Albo Gestori Ambientali, in corso di svolgimento fino al 27 maggio a Milano, presso la Camera di Commercio.

Il tema

Il bilancio di sostenibilità ambientale viene definito dall’Unione europea, nel Libro verde della Commissione , risalente al 2001, come “L’integrazione volontaria delle preoccupazioni sociali ed ecologiche delle imprese nelle loro operazioni commerciali e nei loro rapporti con le parti interessate”.

Si tratta di uno strumento divenuto obbligatorio nel 2016 per le grandi Aziende, rivolto a tutti i portatori di interesse verso l’azienda, attraverso il quale viene comunicato il proprio impegno e i risultati raggiungti nell’ambito della Responsabilità d’Impresa – o Corporate Social Responsibility (CSR)[1].

Le dichiarazioni

Introdurre lo strumento del bilancio di sostenibilità.

Su questo argomento si è soffermato Stefano sassone, Direttore Tecnico di Confindustria Cisambiente, intervento presso l’Assemblea Generale dell’Albo Nazionale Gestori Ambientali. “Oltre a certificazione Emas, e certificazione ISO, da prestare per poter ridurre le garanzie finanziarie utile all’iscrizione nelle categorie dell’albo, sarebbe opportuno annoverare anche il bilancio di sostenibilità, obbligatorio dal 2016 per le grandi aziende, sulla base delle indicazioni fornite dalla Comunità Europea“, ha ribadito Stefano sassone, aggiungendo inoltre che “ciò riflette una tendenza in atto sul mercato da parte tutte le aziende, sono altresì come efficace strumento di comunicazione del proprio impegno ambientale verso i portatori


[1] Vedi: dipendenti, fornitori, clienti, comunità locali, media, investitori, finanziatori, ecc… .

Albo Gestori: rilasciati i nuovi tutorial per il RENTRI

Con una nuova release, l’Albo Nazionale Gestori Ambientali ha rilasciato i nuovi video tutorial per la sperimentazione delle procedure del nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (RENTRI).

I video

L’Albo Nazionale Gestori Ambientali segnala la pubblicazione sul proprio canale You Tube, a riguardo di nuovi video tutorial per facilitare le attività di sperimentazione di tutti coloro i quali intedono sperimentare le nuove procedure del RENTRI, ancora in fase di studio.

In particolare, essi riguardano:  

I Video sul RENTRI si vanno ad aggiungere al primo video tutorial pubblicato lo scorso 6 dicembre relativo al caricamento dati registri di carico e scarico rifiuti nel prototipo per le imprese prive di interoperabilità. https://youtu.be/iTmTkT9yUsk

Advertising

Book

Disponibile on-line, su Amazon on-line shop, il secondo volume de “L’economia circolare dispiegata”, “La gestione dei rifiuti: per Aziende, Cittadini, Enti pubblici”, dedicato a chi vuole approfondire i temi dell’economia ambientale, della gestione dei rifiuti e della relativa disciplina tariffaria, sotto un profilo economico, legislativo e tributario.

E’ in libreria e sullo shop-on line di Amazon, il mio nuovo volume dedicato alle “Procedure Autorizzative Ambientali IIa Edizione. Cosa cambia con il “Semplificazioni bis” (DL n. 77/2021/)”.

Per comprare il Volume

Cliccare qui.

Advertising

Book

Le “Procedure Ambientali” costituisce il primo volume della nuova collana dal titolo “L’Economia circolare dispiegata”, il visibile filo rosso che lega assieme le diverse monografie che la compongono, ciascuna delle quali è stata sviluppata con l’obiettivo di evidenziare i principi cui dovrebbero essere ispirati i modi di operare di cittadini, imprese, e pubbliche amministrazioni chiamati ad implementarli, i quali possono rendere, se correttamente attuati, “circolare” il nostro sistema economico. Per acquistare la tua copia, clicca qui!

Albo: prolungate le scadenze in seguito allo stato di emergenza

L’Albo Gestori, prendendo atto del prolungamento dello stato di emergenza, interviene nuovamente con la Circolare n. 16 del Gennaio 2021, prolungandola, la scadenza dei certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi.

Il prolungamento dello stato di emergenza

Con la L. n. 159/2020[1], viene introdotto l’articolo 3-bis, il quale al c. 1, modifica l’art. 103, c. 2, della L n. 27/2020[2], disponendo che le parole: “il 31 luglio 2020” sono sostituite dalle seguenti: “la data della dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19”.

Inoltre, lo stato di emergenza è stato nuovamente prorogato con DL 24 dicembre 2021 n. 221, sino al 31 marzo 2022.

Il prolungamento delle scadenze

Pertanto, l’Albo Nazionale Gestori Ambientali, in applicazione proprio del suddetto articolo 3-bis, prescrive che “Tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e la data della dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19, conservano la loro validità per i novanta giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza” (sulla base dell’art. 103, c. 2).

Ne consegue che le iscrizioni in scadenza nell’arco temporale compreso tra il 31 gennaio 2020 e il 31 marzo 2022, conservano la loro validità fino al 29 giugno 2022, ferma restando l’efficacia dei rinnovi deliberati nel periodo suddetto.

Resta inteso che per il legittimo esercizio dell’attività oggetto dell’iscrizione l’impresa deve:

  1. rispettare le condizioni ed essere in possesso di tutti i requisiti previsti; l’accertata inosservanza può dare luogo all’apertura di procedimenti disciplinari e alle relative sanzioni;
  2. prestare, per i casi previsti (iscrizioni nelle categorie 1, relativamente alla raccolta e trasporto dei rifiuti urbani pericolosi, 5, 8, 9 e 10), apposita fideiussione, o appendice alla fideiussione già prestata, a copertura del periodo intercorrente tra la data di scadenza dell’iscrizione e quella del 29 giugno 2022;
  3. comunicare le variazioni dell’iscrizione.

Infine, l’Albo rende noto che è possibile, per le imprese, verificare la scadenza delle proprie iscrizioni all’interno della propria area riservata sul sito web www.albonazionalegestoriambientali.it

La circolare n. 9 del 29 luglio 2021 è sostituita dalla presente.


[1] Conversione del DL 7 ottobre 2020 n.125

[2] Conversione del DL 17 marzo 2020, n.18

Advertising

Book

Disponibile on-line, su Amazon on-line shop, il secondo volume de “L’economia circolare dispiegata”, “La gestione dei rifiuti: per Aziende, Cittadini, Enti pubblici”, dedicato a chi vuole approfondire i temi dell’economia ambientale, della gestione dei rifiuti e della relativa disciplina tariffaria, sotto un profilo economico, legislativo e tributario.

E’ in libreria e sullo shop-on line di Amazon, il mio nuovo volume dedicato alle “Procedure Autorizzative Ambientali IIa Edizione. Cosa cambia con il “Semplificazioni bis” (DL n. 77/2021/)”.

Per comprare il Volume

Cliccare qui.

Advertising

Book